Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Topics - Ramon

Pagine: [1]
1
Generale / L'Amphora Douwe Egberts Royal Factories
« il: 05 Luglio 2018, 18:29:55 »
Allego brochure pubblicitaria abbastanza datata, rimediata oggi.

2
I Tabaccai / Vi pare corretto?
« il: 05 Luglio 2018, 13:37:48 »
Mi dichiaro alquanto scontento del metodo di lavoro maccheronico tenuto dalla tabaccheria Guzzi.
Sito:  http://www.tabaccheriaguzzi.it
Ho acquistato pagando direttamente on line con PayPal una pipa il giorno 03 luglio leggendo che fanno le spedizioni con corriere entro 24 ore (un po' come tutti, insomma). Dopo 2 giorni di silenzio.... mi meraviglio e gli telefono per controllare a che punto stanno.
Peccato che risponda una segreteria telefonica dove mi dicono: l'attività è chiusa fino al 30 luglio, le spedizioni riprendono dal 27 luglio....
Che dire? A volte un primo acquisto in un nuovo sito coincide anche con l'ultimo... ed è questo il caso! E' vero che anche il sito di Bollito non avverte quando sono chiusi per ferie, tuttavia 1 mese secco di disservizio del genere (a luglio!) - secondo me - andrebbe segnalato PRIMA che l'utente ordini e paghi. Vabbé. Di questo negozio ne avevo parlato bene quando l'ho visitato di persona.  Ora, invece, lo depenno definitivamente dai miei link on-line. Non sono d'accordo con questo modo di procedere, mi sento preso in giro. Capisco che avvertendo delle imminenti ferie probabilmente si perdevano il mio acquisto on-line di luglio... ma facendo così si sono persi tutti quelli futuri.

3
Le pipe Italiane / Brebbia linea A
« il: 04 Aprile 2018, 21:23:04 »
Domanda per i conoscitori del marchio.
Ho trovato un po' di Brebbia linea A (quelle con fascetta rossa obliqua sul bocchino).
Alcuni pezzi tutti grandini come dimensioni. Sono nuove ma suppongo risalenti agli anni ottanta-novanta.
Le ho viste solo da fuori una bacheca in vetro; sono colore naturale e tutte abbastanza fiammate.
Prima che mi decida a trattare sul prezzo... la domanda è: hanno una gradazione qualitativa 'ste pipe? Stampigliature particolari? Esperienze su questa linea?

4
Off topic / Pertini il combattente
« il: 16 Marzo 2018, 16:13:07 »
Uscito ieri al cinema - docufilm presumo con molta pipa, visto il personaggio.

https://www.comingsoon.it/film/pertini-il-combattente/54571/scheda/


5
TOSCOPIPA PER NEWBIES / Sgrumare fornelli conici
« il: 10 Gennaio 2018, 15:34:08 »
Sarà utile al newbie e interessa anche a me la vostra opinione/esperienza.
Le frese, regolabili o fisse, solitamente sono cilindriche.
Per fornelli conici, anche spinti, come vi comportate quando dovete sgrumare?

6
Naturali & Altre Tipologie / Dalla Francia arriva il B5
« il: 02 Gennaio 2018, 21:57:25 »
Do visibilità su RTP a questa novità tabagica francese.
Ludovic Colin (ex dipendente Seita), ha lanciato un nuovo trinciato da pipa in busta: il B5.
Nuova anche la piccola realtà indipendente che lo produrrà: la Breizh Tabacco.
In allegato la foto del prodotto, che mi sembra interessante per la composizione:
"Un tabac blond au goût américain, avec du virginie et du burley, avec un peu d'orientaux et une touche de kentucky pour ajouter une note fumée"
Ad alcuni di voi, magari anche a me, potrebbe piacere quantomeno provarlo.
Per maggiori informazioni rimando al post originale:
http://www.pipegazette.com/2017/12/degustation-du-b-5-un-nouveau-tabac.html

Mi vedo già a tagliarlo con il B4 di SG.... B45, B54,  ;D ;D ;D


7
Off topic / Fumare la pipa è un'avventura
« il: 14 Dicembre 2017, 01:16:42 »
In realtà, lo è tutto, o quasi, ipocondriaco;
https://www.youtube.com/watch?v=UmE7nrfzcCo&list=RDEMe6azqMeSFmpIPjj7SM-jnw&index=28
La pipa? Paradigmatica. O no? No? Ni? Sn?
"Perché sei un'essere - speciale -  ed io avrò cura di te - io si - che avrò cura di te".


8
Generale / Quello che non ho
« il: 21 Novembre 2017, 16:36:27 »
Per questa discussione prendo in prestito il titolo dalla famosa canzone di Fabrizio De Andrè uscita nel 1981 nel suo decimo album.
Scriviamo sempre di ciò che abbiamo, in termini di acquisti, esperienze con pipe e tabacchi, ecc...
In questo topic, invece, se vi piace l'idea raccontiamo inthopicamente di quello che non abbiamo ancora avuto o provato.
Magari ci soffermiamo soprattutto (ma non solo, fate voi) nel raccontarci di quelle carenze che, nonostante la nostra lunga navigazione, consideriamo almeno parzialmente come lacune da colmare, prima o poi.
Vale sia per le pipe che per i tabacchi ovviamente.
Comincio io.

Ho posseduto svariate pipe Savinelli, ma non ho mai acquistato e fumato nessuna Brebbia.



9
Generale / Tabacchi Paul Olsen
« il: 01 Novembre 2017, 08:20:51 »
Copio incollo da www.nonsolofumo.it queste datate descrizioni di alcuni tabacchi Paul Olsen.
Io non li ho mai provati.
Voi? Li avete fumati? Impressioni? Parallelismi? Consigli? Dal 2005 oggi cosa è rimasto e cosa varrebbe la pena provare?

Paul Olsen MY OWN BLEND B93
Miscela di puro Virginia. Tre differenti tabacchi dolci e leggeri, combinati per ottenere un aroma sottile, delicato e morbido. Può essere fumata durante l’intera giornata. Particolarmente adatta ai nuovi “fumatori”. Anche in pipe grandi.

Paul Olsen MY OWN BLEND H.C. ANDERSEN
Per celebrare il bicentenario della nascita di Hans Christian Andersen, Orlik ha creato una miscela tradizionale che riflette il gusto dei suoi tempi: Virginia pienamente maturati e Burley naturali. Il tabacco è stagionato in pani presati poi tagliati e sciolti - ready rubbed. Un classico di morbidezza, dal sapore assolutamente naturale di tabacco. Fumate la vostra pipa e lasciate che la storia abbia inizio.

Paul Olsen KING FREDERIK IX'S ENGLISH MIXTURE
Una corposa miscela inglese. Forte ed unica, è stata sviluppata dal Re Danese Federico IX. Un blend classico, costituito da Virginia e Latakia (30%). Una perfetta mistura dedicata ai fumatori esperti, da gustare in pipe medio-piccole.

Paul Olsen MY OWN BLEND 3005
La base è data da tabacchi stagionati scuri e chiari della Virginia miscelati con Cavendish. Ad essi è aggiunto un tocco finale di puro Latakia proveniente dalla Siria, affumicato con legna di piccoli pini e mirti, che garantisce una fumata decisamente sofisticata. Adatta a pipe di media capacità.

Paul Olsen MY OWN BLEND BALKAN (Latakia 50%)
All'inizio del 900, un'antica famiglia di miscelatori creò le originali "Balkan Smoking Mixtures", combinando la ricchezza dei tabacchi orientali della Macedonia e del mar Nero con i migliori Latakia e Virginia. Orlik oggi, con Balkan Latakia Mixture, ripropone l'antica ricetta caratterizzata da un potente dosaggio di Latakia Siriano (ben il 50%)

Paul Olsen MY OWN BLEND BOURBON
Una miscela molto semplice e leggera composta da Black Cavendish, Virginia e White Burley. Il gusto è arricchito con il saporito Bourbon americano. Molto delicata e quindi ideale per nuovi fumatori. Da utilizzare in pipe di misura medio-grande.

Paul Olsen KING FREDERIK IX'S MELLOW
Una miscela di Virginia ben bilanciata, sviluppata secondo la tradizione Inglese, con una decisa nota di Latakia (6%). Un blend originale e di carattere, ma al tempo stesso delicato e di facile combustione, con un rilevante aroma ambientale. Il Re Danese Federico IX creò personalmente anche questa speciale miscela. Indicata per pipe di medio calibro.

Paul Olsen MY OWN BLEND 111 FLAKE
Un’originale miscela dal taglio Flake con tabacchi della Virginia e Nord Carolina, arricchita dal Perique e dal Kentucky. Un classico dal carattere deciso. Perfetta per fumatori che desiderano un tabacco ricco e corposo. Meglio in pipe di media taglia.

10
Generale / Dan Pipe catalogo 2018
« il: 30 Ottobre 2017, 21:18:24 »
E' disponibile il nuovo catalogo Dan Pipe per il 2018 scaricabile al seguente link:

https://www.danpipe.de/Kataloge

Saltano all'occhio due nuovi Amphora (Special Reserve n°2 e n°8), il St. Bruno che prima non c'era, tre nuovi Davidoff.
Poi una nuova serie di flake (Empire Flakes) della tedesca Planta e qualcosina d'altro.

11
E.M. / La Perfection del giorno dopo
« il: 30 Ottobre 2017, 12:06:32 »
A mio avviso, assieme al Grousemoor sulla sponda delle virginia mixtures, la Perfection è la miscela di Samuel Gawith che più soffre delle variazioni di intensità d’aromatizzazione (per come uscita di fabbrica) e di umidità (durante la fruizione), il che già basterebbe a consigliarla molto con le pinze.
Tuttavia la trovo - sempre insieme al Grousemoor - affascinante proprio per la sua discontinuità in fumata che un po’ costringe ed invita il pipatore a metterla alla prova in diverse radiche ed in diverse tipologie di fornello. Da questo punto di vista non smette di sorprendere e non è mai scontata, neppure dopo aver terminato un bulk da 250 grammi.
Ovviamente l’aroma vanigliato (da decisamente troppo intenso a molto sfuggevole a seconda del lotto di produzione) non deve dispiacere di default a chi se la fuma ma percepirlo in una virginia-orientali-latakia è comunque cosa meno scontata che fumarlo in una più classica burley-virginia oppure in una miscela omogeneizzata a base di soli cavendish.
Nonostante l’aromatizzazione la Perfection mi risulta infatti magra, non appiccicosa, di un buon corpo medio (riesce a saziarmi) e non teme i fornelli molto capienti e persino molto conici. Da questo punto di vista in fumata offre almeno tre chance per tre suggestioni diverse: o te la carichi in una pipetta piccola e ti fai i tuoi venticinque minuti di fumo da cosiddetto gentiluomo o ti prendi un bel pipone con fornello cilindrico ampio e te la gusti, da semi-fredda vista anche la pezzatura solitamente generosa, in crociera dal secondo terzo in poi percependo al meglio il procedere del trittico virginia-orientali-latakia di base. Infine, caricata alternativamente in un fornello conico anche spinto, l’ultimo terzo a mio avviso finisce con il farla assomigliare ad una mixture latakiosa full-aroma richiamando mentalmente la Commonwealth ma sempre con quella rotondità in più offerta dall’aromatizzazione che a quel punto rende il finale di pipata ottimamente più vellutato.
Insomma, pur rimanendo una miscela che mi piace riscoprire solo in autunno-inverno, io la trovo sempre intrigante e persino scolastica in pipa, se mi si passa il termine. Il tallone d’Achille rimane l’invasività dell’aromatizzazione che se è eccessiva va a coprire troppo soprattutto gli orientali che già di loro non sono molto pronunciati. Per ovviare a questo, personalmente, non la compro più in tin da 50 grammi ma preferisco il bulk da 250 gr. perché mi consente di assestarmi stagionalmente su un certo tipo di range-aromatico e per un periodo più lungo. In ultimo la questione umidità: ho intitolato il topic non a caso “la Perfection del giorno dopo” perché se fumata troppo umida (e, aggiungo: anche troppo polverizzata) si esalta l’aromatizzazione soltanto mentre se viene svasata la sera prima e lasciata respirare di notte, anche nella sua stessa tin od in altro contenitore non perfettamente sigillato, per essere fumata il giorno successivo invece si asciuga quel giusto che permette una fumata interessante. Personalmente, in questo caso: sempre meglio più secca che un pelo troppo umida. Non perde nulla, anzi, casomai ci guadagna in sottigliezza degli aromi.
Per tutto quanto sopra la Perfection non nasce affatto perfetta ma, se si accetta la sfida, stimola il fumatore già rodato alla ricerca della "fumata perfetta" misurandosi con essa.

12
Le nostre Pipe / Tutte le Maigret
« il: 19 Ottobre 2017, 15:00:23 »
Pensavo: quante e quali pipe, nel corso degli anni, sono state dedicate al celebre Maigret?
Potremmo raccoglierle in questo topic, a futura memoria.
E potrebbe essere anche un'idea (per chi ne è appassionato) collezionarle. Una sorta di sub-collezione trasversale.

13
Le pipe Italiane / Design pipario
« il: 13 Ottobre 2017, 13:57:08 »
Faccio una considerazione a margine.
Secondo me, in linea di massima, i nuovi pipemaker che frequentano FB & simili (come Azzinari, Volpe, e altri) sono molto misurati nell'esplorare nuove forme e, rispetto ai loro colleghi più naif degli anni 90, più frequentemente si richiamano a linee classiche o quanto meno già conosciute (anche quando sconfinano nel freehand storicizzato).
Forse, e dico forse, questo è anche il frutto di 10 anni di discussioni sui forum che hanno portato ad una certa timidezza complessiva nell'osare.
Questa tendenza, da un lato, me li rende simpatici perché nel classico e nel già visto io come fruitore ho più mezzi e più esperienza accumulata e quindi sono più incline a dargli un plauso oserei dire.. quasi a prescindere; per simpatia.
Dall'altro lato, tuttavia, non posso non osservare un eccessivo, per quanto ottimo, manierismo combinato però ad una scarsezza di visioni "nuove".
Per rimanere in Italia i design primogeniti di un Becker, di un Tombari, di un Sordini, di un Safferling (solo i primi che mi vengono in mente) rimangono LA cifra stilistica che reputo necessaria per distinguere un vero artigiano da un capacissimo falegname. Per me, senza offendere nessuno per carità, c'è - ancora oggi - un po' di differenza.

14
Le pipe Italiane / Nicola Paci fotografa Le Nuvole
« il: 01 Ottobre 2017, 13:50:48 »
Confesso di non gradire troppo le fotografie in movimento (montate a video) perché una fotografia è statica per definizione, tuttavia questo lavoro che vi linko è gradevole. Le fotografie sono scattate nel laboratorio Le Nuvole (Tombari) da Nicola Paci. Bella l'atmosfera creata dal bianco e nero.
Sono 10 anni che dico "prima o poi una Nuvola me la prendo" perché mi incuriosisce il design e la fattura, che mi pare di livello, ma o il prezzo o la scarsezza di forme a me consone mi fa rimandare sempre l'acquisto.

https://youtu.be/um65aeU8KTU

Pagine: [1]