Autore Topic: Quale pipa e quale tabacco per iniziare  (Letto 3263 volte)

Offline Cristiano

  • Moderatore globale
  • Sovrano Grande Pipatore Generale
  • *****
  • Post: 6982
    • Mostra profilo
    • http://www.studiolegaleciani.it
    • E-mail
Quale pipa e quale tabacco per iniziare
« il: 08 Marzo 2017, 18:25:20 »
Caro neofita, in molti pontificano su quale pipa dovresti comprare per prima. Puoi comprarti anche una dunhill e una castello se ti va. Fumerai bene e, se smetti, potrai ricavarci qualcosa sul mercato dell'usato.
Io mi permetto di dirti di volare più basso e di comprarne due di pipe. Una dritta e una curva. Opta per le sabbiate, così non ti daranno una pipa piena di stucco. Marche? Per cominciare ti direi una Savinelli appena sotto la Punto Ora o una Brebbia. Son radiche collaudate, non ti deluderanno.
Quale tabacco? Molti ti hanno detto il Clan, perchè ha una bella busta e brucia da solo. Ignorali. Prendi un tabacco buono e non aromatizzato. Ad esempio l'Early Morning, che trovi dappertutto, oppure il Red Rapparee. Se vuoi qualcosa di un po' più dolce, Amphora Verde. Col tempo potrai passare ai flake e il primo gradino sarà il Park Lane n° 7. Dai retta a un vecchio lupo: ignora i consigli, compreso i miei, e non privarti del piacere di procedere a casaccio.
"Bohhh tieniti le tue adorate dunhill e pipe da snobe i tuoi tabacchi da bancarella del mercato" Cit. toscano f.e.

Cave Secretarium

www.studiolegaleciani.it

Offline samael

  • Moderatore globale
  • Cavaliere di San Dunillo
  • *****
  • Post: 2755
    • Mostra profilo
Re:Toscopipa for niubbis: quale pipa e quale tabacco per iniziare
« Risposta #1 il: 08 Marzo 2017, 18:46:07 »
Bravo Segretario, solo due appunti (ché il neofita capisca che in questo, come in altri mondi, tutto è vero solo fino a prova contraria, e la prova contraria arriva sempre dato che non parliamo di ingegneria aerospaziale. E magari pure lì...).
- sfortunatamente non è detto che una pipa sabbiata (o rusticata) sia esente da stucchi, anche in marchi blasonati. Quindi magari preferirne almeno una chiara, dove certe magagne sono più evidenti (ma manco è detto: ho ancora negli occhi la voragine mascherata in una Mastro de Paja 1c, ancorché del 1980). Poi (e se lo dico io) una stuccatura non pregiudica di norma la fumata
- mi sento di consigliare il Park lane anche ai meno esperti (che non amano il latakia), una volta sbriciolato brucia praticamente da solo e non scalda troppo, al contrario di altri tabacchi apparentemente più facili

Detto questo, la sola verità che ho imparato in quasi 13 anni è: pazienza e perseveranza.

NCH

  • Visitatore
Re:Toscopipa for niubbis: quale pipa e quale tabacco per iniziare
« Risposta #2 il: 08 Marzo 2017, 21:11:07 »
Senza voler dettagliare se sia meglio la marca A, B o C, riguardo ai consigli di Cristiano e precisamente ai consigli di Savinelli o Brebbia votate quasi totalmente alle pipe filtrate, io, onestamente, non mi sento di gravare uno che inizia col problema del filtro....filtro,no filtro, riduttore, 6mm, 9mm, balsa, carboni, carta.....una bella pipa con foratura normale senza roba inutile e via.

Offline Cristiano

  • Moderatore globale
  • Sovrano Grande Pipatore Generale
  • *****
  • Post: 6982
    • Mostra profilo
    • http://www.studiolegaleciani.it
    • E-mail
Re:Toscopipa for niubbis: quale pipa e quale tabacco per iniziare
« Risposta #3 il: 08 Marzo 2017, 21:15:35 »
Senza voler dettagliare se sia meglio la marca A, B o C, riguardo ai consigli di Cristiano e precisamente ai consigli di Savinelli o Brebbia votate quasi totalmente alle pipe filtrate, io, onestamente, non mi sento di gravare uno che inizia col problema del filtro....filtro,no filtro, riduttore, 6mm, 9mm, balsa, carboni, carta.....una bella pipa con foratura normale senza roba inutile e via.
il riduttore non è male. Tu cosa consigli?
"Bohhh tieniti le tue adorate dunhill e pipe da snobe i tuoi tabacchi da bancarella del mercato" Cit. toscano f.e.

Cave Secretarium

www.studiolegaleciani.it

NCH

  • Visitatore
Re:Toscopipa for niubbis: quale pipa e quale tabacco per iniziare
« Risposta #4 il: 08 Marzo 2017, 21:27:53 »
Sul numero totale delle mie, che ignoro, quelle predisposte per il filtro saranno 4 o 5, forse 6, tutte col filtro da 9 che uso col riduttore, più una Savinelli Bing col filtro da 6 che uso senza nulla, la fumata col riduttore va via liscia, la pulizia poi deve essere meticolosa altrimenti puzzano, e, dovendo iniziare con la pipa, la ritengo una complicazione inutile.

Offline Nic Salamandra

  • Cavaliere di San Dunillo
  • *****
  • Post: 1687
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Toscopipa for niubbis: quale pipa e quale tabacco per iniziare
« Risposta #5 il: 08 Marzo 2017, 22:21:12 »
Io comincerei ad esporre senza alludere a comportamenti disinvolti che denotetebbero avvedutezza. Conosco grandi artigiani che benedicono i tedeschi che gli ordinano pipe cave per vantare una pipa italiana col filtro, ché loro hanno combattuto con restrizioni x neoplasie etniche mezzo secolo prima che noi avevamo i bambini delle elementari a spippare HB. Tutto basta sia Pipa, e chi filtra, io non lo faccio, sa che il fumo batte più freddo....bene scandalizzare un po, per cose forse addirittura utili, e che siano state lette un po' di meno...
« Ultima modifica: 08 Marzo 2017, 22:25:28 da Nic Salamandra »
siamo inthopici fino in fondo

Offline Cristiano

  • Moderatore globale
  • Sovrano Grande Pipatore Generale
  • *****
  • Post: 6982
    • Mostra profilo
    • http://www.studiolegaleciani.it
    • E-mail
Re:Quale pipa e quale tabacco per iniziare
« Risposta #6 il: 09 Marzo 2017, 23:04:19 »
Ah niubbo ... non ti preoccupare se non capisci cosa diavolo intenda dire Nic... con studio e applicazione penetrerai l'esoterico
"Bohhh tieniti le tue adorate dunhill e pipe da snobe i tuoi tabacchi da bancarella del mercato" Cit. toscano f.e.

Cave Secretarium

www.studiolegaleciani.it

Offline Nic Salamandra

  • Cavaliere di San Dunillo
  • *****
  • Post: 1687
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Quale pipa e quale tabacco per iniziare
« Risposta #7 il: 09 Marzo 2017, 23:37:50 »
Caro niubbo, non ho pretese di indirizzare te ma consigliavo a chi ne ha i requisiti di non liquidare la faccenda dei filtri. Popoli che quasi pongono un obbligo, già negli anni 30 facevano leggi anti fumo che noi abbiamo fatto 70 dopo. La ragione erano i tumori alla bocca, molto facilitati dal calore del fumo. Non spaventati, dopo che avrai provato difatti Maestri ti insegneranno a fumare freddo cmnq. Buon Viaggio

siamo inthopici fino in fondo

toscano f.e.

  • Visitatore
Re:Quale pipa e quale tabacco per iniziare
« Risposta #8 il: 10 Marzo 2017, 18:18:28 »
niubbo per iniziare senz'altro una pipa di un pippamaker sono le migliori
per il tabacco quello consigliato dai capiscitori è il migliore

Offline MaxSoggiu

  • Apprendista dell’Accensione Fatua
  • ****
  • Post: 34
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Quale pipa e quale tabacco per iniziare
« Risposta #9 il: 02 Marzo 2020, 10:33:22 »
Posseggo 3 pipe, una Brebbia Golden Man 4001, una Mantini curva e una Revelation sempre curva.

Oggetti comprati quando a vent'anni cercavo di iniziare a fumarla, non ricordo ma sicuramente pipe consigliate dal tabacchino dietro l'angolo.
La Brebbia invece era di mia madre.

Fumavo sempre e solo la Mantini, e dopo 26 anni che ho ripreso devo dire che questa per me è la più facile. Sarebbe meglio la Brebbia dritta, lo so, ma è andata così....

L'idea di mettere un filtro che non ho mai avuto mi spaventa. Di certo mi pelerò di meno la lingua con un bel filtro, ma se non me la brucio mai, come posso imparare a gestire una corretta fumata? Abbiate pazienza se un niubbo pone interrogativi retorici da niubbo  ;D

Solitamente me la pelo con l'ansia da accensione, già adesso accade molto meno e sempre meno di frequente. Sono alla settima fumata da quando ho ripreso.

Il sogno nel cassetto: la Castello Papillon, mannaggia quanto mi piace.

Offline StefanoG

  • Cavaliere di San Dunillo
  • *****
  • Post: 2105
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Quale pipa e quale tabacco per iniziare
« Risposta #10 il: 02 Marzo 2020, 12:08:35 »
....si è paralto già a lungo nei post che hanno preceduto il mio,
si finisce inevitabilmente di ripetere qualcosa di già detto,
secondo me però ne vale comunque sempre la pena poichè
così movimentiamo un po le conversazione e il sito forse
si movimenta un po....

Io credo che non bisogna farsi troppe menate in merito
al tipo di pipa da usare per iniziare e, il tipo di tabacco,
si usi un po quel che si vuole l'importante è non demor=
dere proseguendo per gradi a fare esperienza.
Per antonomasia forse le regole vorrebbero che si inizias=
se con una pipa non curva, massimo solo una semicurva
con una curva non accentuata, senza filtro, rusticata,
fornello e dimensioni medie, marca e qualità pipa non
di alta gamma per non rischiare di bruciare un oggetto
di una certa alta qualità per non averse in seguito a penti=
rsene.
Tabacco adatto, beh l'ideale iniziare con vari naturali
per imparare a riconoscere il gusto dei vari tabacchi di base
per poi passare a fumare l'accoppiata di più naturali per impa=
rare a distinguere gli stessi in miscele più complesse per
lasciare per ultimi gli aromatizzati più o meno spinti che sono,
forse, i più difficili da gestire e comprendere dato che sono
portatori di aromi e gusti atipici e coprono il gusto del tabacco.

Questo credo siano le linee guida per antonomasia ma, io
tendo da sempre un po a fottermene delle linee guida , io
ebbi ad iniziare alla cazzo di cane, seguendo gusti, per fattura
pipa e gusto aroma tabacco, che erano imposti dagli impulsi,
feci tanti errori ma mi servirono per imparare e, forse non
ripeterli, imparai forse comunque alla fine a riconoscere
i tabacchi ecc...quindi, alla fine, consiglio di seguire l'impulso
personale ma, sapendo che in principio comunque ci dovrebbe
essere una logica che ha senso che, dovrebbe guidare.
Se va di fumare una curva non ci si faccia menate la si fumi,
se va un aromatizzato pure, una em pure, forse così si evita
la noia e il rischio di abbandono prematuro.
Uno vero consiglio però che mi sento di lasciare, da seguire,
è quello che all'inizio è meglio evitate di passare continuamente
da un tabacco ad altro, sfumacchiar un po questo e quello, si
rischia di andare seriamente in tilt, non in grado di comprendere
miscele e tabacchi si manda in tilt tutto...per primo palato e lingua.

saluti cari e , buone fumate

Offline MaxSoggiu

  • Apprendista dell’Accensione Fatua
  • ****
  • Post: 34
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Quale pipa e quale tabacco per iniziare
« Risposta #11 il: 02 Marzo 2020, 14:58:55 »
Non smetterò mai di ringraziarti StefanoG per le dritte e i consigli.

Ho pensato anch'io di non mescolare troppe fumate con differenti tabacchi per paura di perdermi. Voglio capire questa differenza (oramai una curiosa ricerca) che mi si è innescata tra Perfection e Commonwealth, per poi fermarmi. dopodiché mi sento di soffermarmi sul Commonwealth, mi verrebbe da aggiungere meno appagante del Perfection, ma più comprensibile in questo periodo iniziatico.
Vedremo...

Offline StefanoG

  • Cavaliere di San Dunillo
  • *****
  • Post: 2105
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Quale pipa e quale tabacco per iniziare
« Risposta #12 il: 02 Marzo 2020, 18:35:50 »
Beh hai iniziato con tabacchi di alta gamma, costosi,
almeno in Italia, hai iniziato bene, c'è chi però potrebbe
sconsigliare ad un neofita di inizare in tal modo, poichè
il neofita non è ritenuto ancora capace di apprezzare
certi tabacchi, riconoscere in essi i tabacchi  di base,
comprenderne l'evoluzione e le sfumature intrinseca
all'aroma e al gusto che portano in se, quindi,  in un
certo qual modo, un buttar soldi dalla finestra e,
rischiare di incasinare dal principio la vita, fumando
qualcosa che all'inizio della carriera di fumatore di
pipa può essere complicato, ostico, comprendere
e fumare io, non la vedo così, penso che vale tutto
e l'opposto di tutto, se si deve iniziare forse, tanto
meglio iniziare subito bene, percependo bene anche
l'aroma ed il gusto ed, il corpo di una tabacco di alta
gamma, se pure non si riesca bene a comprendere
cosa questo sia, meglio così piuttosto che sfumacchiare
altro tabacco che, spesso, è poco comprensibile poichè
pecca per gusto aroma e, fattura....
alla fine si faccia un po come si vuole.

Ricordo anche però, che esistono anche tabacchi degnissimi
in busta e dai 10.00 Euro in giù, specie se si cerca
un tutto giorno.

Allora, fondamentalmente il Perfection è una Em classica, ben
bilanciata, se pure contenga una buona dose di orientali che rendono
particolarmente interessante la fumata, ma in questo caso meglio è
lo Skiff, il perfection non è forse stato creato per ricercare tramite
gli orientali qualcosa di speciale, nello skiff invece si, il perfection
ha in se un certo gusto, aroma, vanigliato, questo però in realtà
non si sente , è percepibile come coadiuvante , addolcisce la fumata
e, l'aroma, alla fine è un ottima Em, direi classica, il Commonwealth
invece è una miscela dal gusto Em pur non essendo per antonomasia,
in maniera ortodossa una Em, è una miscela binaria composta da Virginia
Latakia, tanto tanto Latakia e tanto Virginia, di solito nelle em tradizionali il
Virginia porta alla miscela corpo , forza nicotinica, struttura la miscela,
compatta la trama, infonde un po di dolcezza in modo naturale, il lavoro
di un Virginia nelle miscele Em è proprio di essere la base portante per la
miscela, regge il gioco aulico che dovrebbero fare gli orientali e il latakia che,
donano caratteristiche uniche e, particolari alla miscela, il Commonwealth
esce da questo schema in quanto è una miscela binaria , non ha orientali,
di latakia c'è nè molto e, il Virginia non è messo solo per creare la base
portante strutturante della miscela ma, piuttosto, è anche un primattore
in tutti i sensi, il latakia è tanto ma, non mai eccessivamente travalicante ,
si sente in modo deciso dall'inizio alla fine ma va sempre a braccetto
con un ottimo Virginia che, qui si porta anche dolcezza e varie sfumature
naturali , in italia un'altra miscela binaria Virginia Latakia, così valida e, buona,
non credo esista. Quindi, il Perfection e il Common. sono entrambe due ottime
buone miscele, però sono anche tanto differenti, si certo, il Commonwealth
è più facile da comprendere  del Perfection, almeno per un neofita e, forse
si presta anche come tutto giorno anche se, secondo me, le miscele da tutto
giorno dovrebbero essere ben altra cosa, anche per prezzo del prodotto.

« Ultima modifica: 03 Marzo 2020, 12:32:36 da StefanoG »

Offline MaxSoggiu

  • Apprendista dell’Accensione Fatua
  • ****
  • Post: 34
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Quale pipa e quale tabacco per iniziare
« Risposta #13 il: 02 Marzo 2020, 19:37:06 »
StefanoG con tutti questi ottimi consigli prima o poi ti dovrò offrire una bevuta seguita da fumata ovviamente! Grande!!!