Autore Topic: Le mie pipe  (Letto 165339 volte)

Offline MaxSoggiu

  • Apprendista dell’Accensione Fatua
  • ****
  • Post: 34
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Le mie pipe
« Risposta #2175 il: 20 Marzo 2020, 17:48:03 »
...perchè non dovrebbe andare bene il Commonwealth ?
cosa te lo fa pensare ?
Una pipa può subire un rodaggio o meno, scelta personale
e, non è un obbligo.
Si può iniziare a fumare una pipa con qualsiasi tabacco,
uno vale l'altro purché, piaccia.
Consigliato chi vuol rodare, ad onor del vero, sarebbe almeno
rodare con miscele o, tabacco, di quel genere con cui poi si
vorrà proseguire fumare in quella pipa, se non addirittura con
la miscela consueta che più si ama fumare, evitare miscugli di
genere, ...ecco forse solo questa è una regola che potrebbe
aver del senso, anche se poi alla fine , ogni uno fa un po quel
che gli pare e, molti non la seguono, e va bene lo stesso,
l'importante è che  la pipa non ne soffra e che si fumi con
piacere.

....comunque il Commonwealth è un ottima miscela

Grazie Stefano, infatti mi riferivo proprio a questo tuo discorso: evitare miscugli.

Il mio pensiero era cosa usare per creare il famoso strato protettivo.
Nel frattempo mi sono letto il bellissimo libro La mia pipa di Giuseppe Bozzini, e devo dire che ho chiare molte più cose.

Per lo stesso principio per cui mi sembra sbagliato rodare una Castello con un tabacco Cube (ovviamente sbagliato per me), volevo essere certo di utilizzare un tabacco non troppo invasivo e di qualità. Ho pensato al Commonwealth come un buon iniziatore, mi fa piacere che me lo confermiate.
Anche perché difficilmente mi discosterò dagli EM.

Non me ne vogliate (rivolto agli amanti del Cube) ma ho fumato il Cube una volta, tabacco consigliatomi per la mia compagna a cui è piaciuto molto, ma personalmente è stata devastante, un'esperienza drammatica, se avessi avuto la carta con scritto Sperlari, c'avrei avvolto la pipa e buttato via tutto, pipa che odora di caramelle nonostante 4 fumate di Perfection e Commonwealth. Quindi Commonwealth -> Cube si può fare, il contrario la vedo difficile.

P.S. La Castello non l'ho ancora accesa, ho molta paura di fare danni, anche se adesso sto iniziando a trovare equilibrio nelle pipate giornaliere. Prima o poi prenderò il coraggio e lo farò: so che è una menata mia, ma ho grande rispetto per questa marca e vorrei fare le cose nel modo giusto. Stessa cosa quando acquistai due anni fa una macchina d'epoca, il rispetto per l'auto mi mise mille paure su come guidarla, poi bastò metterla in moto e farci un bel giro.

Offline Claudio Villa AldoBrandini CVAB

  • Cavaliere di San Dunillo
  • *****
  • Post: 1126
    • Mostra profilo
Re:Le mie pipe
« Risposta #2176 il: 22 Marzo 2020, 12:31:39 »

Il mio pensiero era cosa usare per creare il famoso strato protettivo.


P.S. La Castello non l'ho ancora accesa, ho molta paura di fare danni, anche se adesso sto iniziando a trovare equilibrio nelle pipate giornaliere. Prima o poi prender� il coraggio e lo far�: so che � una menata mia, ma ho grande rispetto per questa marca e vorrei fare le cose nel modo giusto. Stessa cosa quando acquistai due anni fa una macchina d'epoca, il rispetto per l'auto mi mise mille paure su come guidarla, poi bast� metterla in moto e farci un bel giro.

Non serve nessun strato protettivo. La radica si "protegge" da se stessa a patto che si fumi in modo corretto (con o senza crosta). La "crosta" fatta di residui della combustione del tabacco se si sarà formata con  roba buona sarà "buona" altrimenti sarà "cattiva". Se la crosta è buona conferisce alla fumata un gusto migliore. In generale, le pipe "cattive" possono migliorare con una crosta "buona" e le pipe buone non hanno bisogno di crosta per esserlo, ma con una crosta "buona" possono comunque guadagnare qualcosa. Fumare fin dall'inizio un buon tabacco (o comunque il tabacco che piace) significa avere in futuro una crosta che partecipa alla fumata in modo positivo.

Fumala questa Castello senza troppe preoccupazioni.
"I'm going back to Kansas City..."
https://youtu.be/-X3hdFWmerQ

Offline MaxSoggiu

  • Apprendista dell’Accensione Fatua
  • ****
  • Post: 34
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Le mie pipe
« Risposta #2177 il: 22 Marzo 2020, 17:08:33 »

Il mio pensiero era cosa usare per creare il famoso strato protettivo.


P.S. La Castello non l'ho ancora accesa, ho molta paura di fare danni, anche se adesso sto iniziando a trovare equilibrio nelle pipate giornaliere. Prima o poi prender� il coraggio e lo far�: so che � una menata mia, ma ho grande rispetto per questa marca e vorrei fare le cose nel modo giusto. Stessa cosa quando acquistai due anni fa una macchina d'epoca, il rispetto per l'auto mi mise mille paure su come guidarla, poi bast� metterla in moto e farci un bel giro.

Non serve nessun strato protettivo. La radica si "protegge" da se stessa a patto che si fumi in modo corretto (con o senza crosta). La "crosta" fatta di residui della combustione del tabacco se si sarà formata con  roba buona sarà "buona" altrimenti sarà "cattiva". Se la crosta è buona conferisce alla fumata un gusto migliore. In generale, le pipe "cattive" possono migliorare con una crosta "buona" e le pipe buone non hanno bisogno di crosta per esserlo, ma con una crosta "buona" possono comunque guadagnare qualcosa. Fumare fin dall'inizio un buon tabacco (o comunque il tabacco che piace) significa avere in futuro una crosta che partecipa alla fumata in modo positivo.

Fumala questa Castello senza troppe preoccupazioni.

Grazie per le tue informazioni, ma quel "a patto di fumare in modo corretto" non mi convince molto, va in contrasto con "non serve nessuno strato protettivo".
Come dire ad un neo patentato che non serve rodare una moto nuova, a patto che si guidi con cura, si faccia scaldare bene il motore prima di guidarla, che non si superi una certa velocità (giri del motore)...in pratica parli di fare il rodaggio.

Non credo il tuo sia un buon suggerimento da dare ad un neo fumatore, mi spiego meglio:

Giuseppe Bozzini nel suo stupendo libro "La mia pipa", consiglia di fare un rodaggio di 8-dieci giorni/fumate scrivendo: lo scopo più importante da raggiungere è che si formi lo strato di carbone nell'interno del fornello:  è il carbone che protegge il legno, che rende più morbida e dolce la pipa, che assorbe umidità".
Seguirò il consiglio di Bozzini e fumerò la Castello con le dovute precauzioni  ;).

Offline Claudio Villa AldoBrandini CVAB

  • Cavaliere di San Dunillo
  • *****
  • Post: 1126
    • Mostra profilo
Re:Le mie pipe
« Risposta #2178 il: 23 Marzo 2020, 11:01:23 »
Eh beh, se lo dice Bozzini...
Hai ragione, ho fatto un salto troppo grande.
"I'm going back to Kansas City..."
https://youtu.be/-X3hdFWmerQ

Offline Cristiano

  • Moderatore globale
  • Sovrano Grande Pipatore Generale
  • *****
  • Post: 6982
    • Mostra profilo
    • http://www.studiolegaleciani.it
    • E-mail
Re:Le mie pipe
« Risposta #2179 il: 01 Aprile 2020, 15:15:31 »
Eh beh, se lo dice Bozzini...
Hai ragione, ho fatto un salto troppo grande.
e che sei Paronelli te?  8)
"Bohhh tieniti le tue adorate dunhill e pipe da snobe i tuoi tabacchi da bancarella del mercato" Cit. toscano f.e.

Cave Secretarium

www.studiolegaleciani.it