Autore Topic: Carlo Scotti  (Letto 4477 volte)

Offline samael

  • Moderatore globale
  • Cavaliere di San Dunillo
  • *****
  • Post: 2740
    • Mostra profilo
Carlo Scotti
« il: 06 Ottobre 2009, 14:42:12 »
Ritengo interessante riprodurre questa brochure della Castello, peraltro riportata anche nel sito della ditta www.pipacastello.it, poiché vi vengono illustrati, anche con qualche contraddizione, aspetti essenziali nella filosofia generale della pipa. Taluni di questi, come il rapporto tra design e funzionalità, l’aromatizzazione del tabacco, la fascinazione della marca, sono stati ampiamente dibattuti sul forum di toscopipa. L’autorevolezza della fonte, ovvero la più celebre e celebrata marca italiana di pipe, sicuramente fornisce un valido contributo al dibattito.

NB. Alcune notazioni in corsivo sono state aggiunte grazie alle gentili precisazioni di Bruno Longoni.

*** ** ***


Carlo Scotti creò la Pipa Castello nel 1947, come piccolo laboratorio artigianale, con l'obiettivo di produrre pipe tecnicamente ed esteticamente al vertice assoluto del "parametro" qualità. Questa passione, questa qualità, significano tante cose difficili da spiegare. Significa lavorare solo ed esclusivamente la radica migliore, cioè la extra-extra. Saperla lavorare al momento giusto, nè prima nè dopo. Saperla lavorare rispettando canoni precisi di funzionalità, estetica, buon gusto. Saperla concedere solo ai negozi di indiscussa professionalità. E tante altre cose ancora. Così oggi si è creata una "immagine Castello" che rispecchia esattamente ciò che si propose anni fa Carlo Scotti, e ciò che sono realmente le pipe Castello. Oggi il Suo lavoro-passione prosegue immutato sotto la direzione della figlia Savina e del genero Franco Coppo.
Effettivamente, la figura di Carlo Scotti assume contorni mitici, che la accostano a quelle, altrettanto leggendarie, di Alfred Dunhill,  di Sixten Ivarrsson, di W.O. Larsen. L’eleganza, in Scotti, si coniuga con l’estro e l’originalità, con una modernizzazione del canone classico, che mai sfocia nel pacchiano o nell’eccessivo, ma sempre diviene una esaltazione del buon gusto e di una misura innovativa.
Vi sono pipe di marca prodotte e vendute in milioni di pezzi ogni anno. La produzione Castello non arriva invece ai 4.800 pezzi annui. Volendo che ogni Castello sia veramente una Castello non potremmo costruirne de piú. Non potremmo dedicare tutto il tempo che dedichiamo a ciascuna fase di lavorazione per ognuna di esse. Non potremmo controllarle come le controlliamo. In tal modo possiamo concedere le nostre pipe a pochi negozianti in tutto il mondo. Non necessariamente i negozi piú belli. Certamente i piú professionisti e competenti. E a volte dispiace non poter soddisfare le richieste di altri ancora, meritevoli ed interessati a Castello. Cosí come non possiamo fornire ai nostri concessionari ufficiali tutti i pezzi che ci richiedono. É uno scotto che noi per primi dobbiamo pagare per mantenere il nostro standard qualitativo al livello a cui, con costanza e sacrifici, siamo arrivati.
E questo spiega, anche se vi sono talune eccezioni (abbiamo riscontrato tabaccai, esclusivisti Castello, a cui, per la marchiana incompetenza e per la patente scortesia, non si sarebbe dovuto affidare neppure una Gasparini fluorescente), perché una azienda del settore del lusso (così è!) solidifica la propria fama. Venditori esclusivi, competenti, “affascinanti”, comunicano queste doti alla marca, dando la sensazione di far parte di un club di alto livello. Allo stesso modo, viceversa, la marca nobilita il venditore.

FINISSAGGI CLASSICI
Sea Rock Briar (sgorbiato)
Questo particolare finissaggio sgorbiato a mano nasce nel 1947 per intuizione di Carlo Scotti che affascinato dai disegni che la continua erosione delle onde del mare creava sugli scogli, volle riproporli sul vaso delle sue pipe.
Con sapiente e segreta lavorazione, dopo vari tentativi, siamo orgogliosi di presentare sempre in evoluzione questo finissaggio che prende il nome di "Sea Rock Briar", "Old Sea Rock" per la lavorazione sfumata, "Natural Vergin" per la finitura naturale.
 
Old Antiquari (Sabbiato)
Nasce dalle esigenze, questo classico finissaggio sabbiato, di offrire al fumatore esperto, una pipa leggera e fresca che possa divenire perfetto strumento da fumo in ogni occasione. Dopo svariati esperimenti e con profondo studio sulle diverse composizioni dei minerali usati per la sabbiatura, siamo giunti a questo perfetto equilibrio tra incisione sulla radica ed esaltazione degli splendidi disegni che la natura può offrire.
Questa particolare lavorazione prende il nome di "Old Antiquari" ed è ottenuta mediante un potente getto di aria miscelata con polvere di corindone. Viene proposta nei quattro classici colori: nero, noce, naturale, rosso.
Personalmente adoro le sabbiate Castello, specie le loro magnifiche ring grain. La leggerezza è incomparabile, la resa eccezionale. Il rapporto qualità-prezzo talmente buono da chiedersi il motivo per cui si vada a comprare altre pipe (e il motivo è uno solo: il desiderio compulsivo della conquista collezionistica, che non ti fa accontentare mai, anche se hai trovato l’ottimo).
Lucido
Finissaggio ottenuto da un lungo e paziente lavoro di abrasione sulla superficie della radica, che pur mantenendo la naturale porosità del legno, la fa apparire brillante e ben levigata al tatto.
Collection, "Castello", Trade Mark, sono le gradazioni che Castello usa per questo finissaggio lucido, che si presenta nelle quattro tinte; naturale, noce, piombo, rosso.
MARCATURE
Castello Sea Rock
Il Castello Sea Rock (Marchio Registrato) fu il primo finissaggio utilizzato da Carlo Scotti nella produzione delle sue pipe, sin dal 1947. Nacque grazie al tentativo di riprodurre sul vaso delle pipe i disegni che la continua erosione delle onde del mare creava sugli scogli.
 
Castello Natural Vergin
Nacque agli inizi degli anni '60, per accontentare la richiesta di numerosi clienti che desideravano una pipa sgorbiata a finissaggio naturale.
Castello Old Antiquari
Castello Old Antiquari (Marchio Registrato) è un finissaggio nato insieme all'azienda. Ha subito molte modifiche nel corso degli anni, da una sabbiatura molto sottile ad una più marcata e profonda, utilizzata attualmente. Per questo tipo di finissaggi vengono utilizzate solo pipe fiammate.
Castello Trade Mark
Castello Trade Mark (Marchio Registrato) è il nome che ha sempre contraddistinto le pipe con il classico Rosso di Castello. La tonalità del colore è variato nel corso degli anni, ma la sua origine è naturale, dalla cocciniglia, che la Castello si procurava direttamente dall'India fino a circa il 2000.
Castello "Castello"
Castello "Castello" nacque nel 1947 e fu il primo marchio utilizzato per le pipe chiare, bionde prodotte.
 
Castello Collection
Castello Collection nacque nel 1947 e fu il marchio utilizzato per le pipe chiare, bionde di qualità superiore alle "Castello".
Castello Collection Occhio di Pernice
Il marchio "Occhio di Pernice" nacque durante  i primi anni '80. Negli anni precedenti le pipe caratterizzate da questo particolare taglio, venivano catalogate come "Collection". Dal 2003 anche "Occhio di Pernice" vengono graduate secondo la scala classica Castello dei "K".
Castello Collection Fiammata
Nacque nei primissimi anni '60 e contrassegnava le pipe caratterizzate da una radica particolarmente bella e appunto fiammata.
Castello Collection Greatline
Vede origine, insieme al marchio "Bigline" (ora abbandonato), a metà degli anni '70.
Castello Collection Greatline Fiammata
E' un marchio di estrema rarità. Viene utilizzato su pipe eccezionali, su pochissimi pezzi ogni anno.
Castello Perla Nera
Castello "Perla Nera" (Marchio Registrato) fu il sogno di Carlo Scotti; sottoposta a diversi esperimenti, attualmente il marchio contraddistingue una pipa lucida di colore nero.
Castello "Preziosa"
Castello "Preziosa" (Marchio Registrato) venne introdotto per la marcatura di alcune pipe sulle quali erano montate pietre dure semi-preziose, come innesti o più comunemente flock (A/M). I primi utilizzi sono del 1990, mentre il brevetto risale al 1993.
Castello Epoca
Castello "Epoca" è ormai una marchiatura storica di Castello. Ad oggi abbandonata, Epoca fu un classico a partire dagli anni '60, con vari studi ed evoluzioni, che vide il moccolotto di candela trasformarsi in goccia di candela sempre più definita
Castello Flame
Il primo utilizzo del marchio Castello "Flame" è del 2000 e contraddistingue quelle particolari crezioni, evoluzione della classica Epoca, in serie limitata e numerata prodotte da Castello negli anni 00/01/02
FUNZIONALITA’ E FILOSOFIA CASTELLO
Naturalmente, dando per scontato quello che abbiamo detto in precedenza, c'é chi predilige forme classiche o forme libere. Dritte, semicurve, curve. Medie o grandi.
Ogni fumatore ha giustamente le sue magari a seconda della situazione. Castello, anche nella progettazione e lavorazione delle forme classiche, ha apportato un suo contributo creativo, per migliorarne la fumabilitá.
Nelle forme libere poi ha potuto veramente creare pezzi di assoluta eccezione. Si parla della bellezza di una Castello, della stupenda fiammatura, della sua eleganza, dell'equilibrio delle proporzioni. Ma mai questi risultati sono stati ottenuti a scapito della funzionalitá della pipa. Al contrario, prima si é tenuto conto del problema tecnico, poi della bellezza.
Spesso si parla di pipe italiane nel senso di un asservimento della funzionalità al design (e certo talune produzioni marchigiane depongono in tal senso). Qui si predica il contrario. Il bello è che la coniugazione design-funzionalità, risulta, nelle Castello, quasi sempre equilibrata e perfetta, nella assoluta originalità.
In tanti incontri con fumatori Castello, che a volte non fumano piú altre pur valide marche, ci siamo resi conto che chi fuma Castello ha ben compreso il concetto base che ha sempre guidato la realizzazione di ogni nostra pipa. Offrire una pipa che fin dalle prime fumate sia in grado, se ben utilizzata, di garantire una costante, elevata qualitá di fumata. Cioé permette di assaporare ogni piú piccola sfumatura di gusto e aroma, caratteristico del tabacco fumato. Senza voler entrare nel merito di questo o di quel tipo di tabacco, possiamo solo dire che quelli troppo pesantemente aromatizzati non solo non permettono di gustare una fumata naturale, ma le essenze artificiali con cui é stato "profumato" il tabacco, penetrano troppo profondamente nelle fibre della radica, cosí da impedire la degustazione "assolutamente neutra" di altri tabacchi piú naturali.
Non si capisce, allora, di dove venga fuori il tabacco Castello Optimo che, ancorché atipico, è assai aromatizzato. Non fumatelo nelle Castello, dunque!
 
IMMAGINE DI MARCA
L'immagine di marca é un valore aggiunto al prodotto. Impalpabile, immateriale, che accompagna e rafforza la qualitá stessa del prodotto, della distribuzione, del packaging, del prezzo.
Alla Castello siamo orgogliosi di aver raggiunto un'immagine cosí specialistica. Non abbiamo voluto certamente creare o rafforzare "qualcosa di up-to-date", di "snob", "á la page".
Riteniamo invece giusto che, per chi fuma Castello, vi sia una comprensibile gratificazione nell'acquisto di ogni nostra pipa. Siamo lieti che esse vengano collezionate sia per la loro bontá di fumata, sia per la loro bellezza.
Bontà di fumata e bellezza. Carisma del fondatore. Intrinsecità del messaggio. Ecco, la fascinazione della marca!

 
Non pensavamo certamente di fornire una panoramica completa della Castello.
Volevamo invece dare semplicemente una sensazione epidermica, ma veritiera di quello che é realmente ciascuna pipa castello. Di che cosa significa per noi che la progettiamo e realizziamo, ma soprattutto cosa potrebbe significare e sovente significa per Voi che le fumate e le collezionate. Perché Voi possiate essere fieri delle Vostre scelte e pienamente soddisfatti delle Vostre fumate. Indipendentemente dalla forma, dimensione, rifinitura manuale della radica. Della miglior radica extra-extra esistente, stagionata ben oltre 10 anni.
E sappiamo – dato confermato anche da grandi esperti come Italo Turchi – che Castello è una delle rare fabbriche che può permettersi questi rigorosi canoni di stagionatura.
 
« Ultima modifica: 16 Giugno 2014, 08:55:28 da samael »